main

AntiagingDetoxFatto in casaNutrizione

Estrattore o Frullatore: la guida completa per la tua cucina sana e detox

26 Dicembre 2017 — by Franc Arleo0

siquri-frullatore-o-estrattore-960x640.jpeg
Ehi Franc, ma cosa compro: estrattore o frullatore?

Questo mi viene chiesto molto spesso!

Estrattore a bassa velocità e frullatore ad alta velocità sono due tecnologie che spesso vengono percepite come opposte e questa è una domanda ricorrente che ci viene posta da molti clienti in chat sul nostro conversational commerce  siquri.com

Negli anni si sono create addirittura due fazioni di pensiero. In realtà i due strumenti  sono apparentemente distanti, difatti rappresentano e costituiscono due grandi pilastri per una cucina sana, completa e detox.

Devo  ricordare una comparazione che veniva fatta fino a poco tempo fa fra: frullatore, centrifuga ed estrattore. Una comparazione che in questo articolo evito perché la centrifuga ha una caratteristica molto negativa su tutte che la fanno allontanare dall’idea di cucina sana e salubre: la centrifuga abbina l’alta velocità con la contemporanea separazione di fibre solubili e insolubili facendo aumentare la rapida ossidazione di enzimi e minerali della frutta e della verdura, rendendole privi di micronutrienti  e aumentandone l’indice glicemico . 

Ma quali sono sinteticamente le due funzionalità specifiche che rendono invece diversi un estrattore da un frullatore e che quindi li fanno risultare integrabili in tutte le cucine attente alla sana alimentazione:

  • il frullatore permette l’apporto di una quantità considerevole di fibra che si fa portatrice sana di funzioni di pulizia nel nostro apparato digerente
  • l’estrattore permette il mantenimento di microfibra solubile aumentando però l’assorbimento dei micronutrienti con un minor tempo di transito intestinale e di minor tempo nell’attivazione di processi digestivi 

Come vedi la dicotomia fra estrattore e frullatore non esiste, semmai la questione è cosa e come vogliamo ottenere un effetto salutare nella nostra cucina  con questi due strumenti che intervengono direttamente nei nostri processi di assimilazione e digestione della frutta e della verdura.

foto siquri fibra e digestione
assimilazione, digestione e fibre

Mangiare almeno 5 porzioni di frutta e verdura è una delle grandi raccomandazioni per una dieta sana e corretta, ormai da anni scritta e riscritta in varie divulgazioni sull’argomento alimentazione e salute. Tuttavia, come ogni giorno sperimentiamo nella nostra vita, è difficile far combaciare le raccomandazioni con la pratica.

Forse è proprio da questa discrepanza fra teoria e pratica che in questi ultimi 10 anni abbiamo assistito ad un aumento del consumo di frutta e verdura attraverso una lavorazione che meglio si integri con i ritmi della vita in cui tutti siamo più o meno immersi. Ciò che poteva apparire come moda passeggera, dunque, è diventato rito e oggi mangiare frutta e verdura in forma di smoothies, frullati, vellutate fredde e calde, bere succhi, estratti, sta diventando  la base per aumentare apporti salutari di enzimi e micronutrienti vegetali nella dieta quotidiana di milioni di persone.

La tecnica più interessante, in questo senso, è quella di integrare le funzioni di pulizia dell’organismo aumentando contemporaneamente il senso di sazietà grazie all’aumento della buona fibra. In quali modi si può ottenere questo doppio beneficio?

Per essere essenziale  ti dico cosa ho fatto io, prima a casa mia e poi  nella cucina siQuri, per arrivare ad un uso davvero specifico del frullatore e testando per più di 2 anni diversi strumenti e selezionando quelli che meglio si prestavano a creare funzioni di integrazione fra fibre di diverse consistenze.

In pratica fra le diverse opzioni sul mercato decisi di occuparmi solo di quei frullatori o blenders che permettevano di creare lavorazioni da ice a soup (calde e fredde) e in particolare mi permettessero di affrontare le seguenti lavorazioni:

  • lavorazione in crush ovvero di lavorare e miscelare cereali di diversa grandezza e consistenza al fine di arrivare a produrre farine in casa senza ulteriori strumenti
  • lavorazione in soup calde e fredde ovvero di lavorare vellutate, zuppe e creme di diverse consistenze
  • lavorazione in porridge ovvero preparazioni a base di avena o riso in grado di mantenere granulosità
  • lavorazioni in omogeneizzati ovvero preparazioni lisce per i più piccoli (nel mio caso per i miei due bimbi)
  • lavorazioni in vegetable milk ovvero preparazione di latti a base di soya, riso, mandorle, noci e simili

Per ottenere questi livelli di lavorazione, dapprima mi rivolsi ai frullatori iper professionali da tavolo Vitamix fra cui la serie 750 e poi ai frullatori ad immersione, sempre di taratura professionale. In entrambi i casi ciò che trovavo di limitante erano proprio le funzioni di lavorazione in soup, ovvero in cottura diretta, e spesso le consistenze non variavano così come volevo e alla fine non rendevano omogenee le vellutate o  granulari al punto giusto il porridge, per non parlare della difficoltà della lavorazione in funzione mulino.

Tuttavia, la diffusa esperienza sul campo e la routine degli innumerevoli test, mi hanno portato a scegliere una tecnologia  blending fra le più accurate in design e lavorazione che io potessi immaginare. Il motivo per cui oggi ho portato su siQuri un blender a 9 funzioni, estremamente semplice, frutto di questi due anni di test  Blender Multifunzione Vivo  è stata proprio la capacità di passare da lavorazione ice e crush (tritatura ghiaccio e granuli, compreso funzione mulino)  alla lavorazione in soup e grain (lavorazione in cottura fino a 100 gradi con miscelazioni, intensità e durate diverse). Un totale di 9 funzioni digitali combinate che mi permettono di creare non più semplici smoothies, ma interi menu con consistenze fibrose diverse.

A queste consistenze portate in lavorazione con il blender, che ripeto si prestano ad un’aumento salutare delle fibre, oggi abbiamo la possibilità concreta di affiancare tecnologie  di 4a generazione per l’estrazione naturale e lenta da frutta e vegetali molto vicini, per robustezza di motori, ad estrattori professionali, cito qui l’arrivo del nuovo Essenzia Elegance, frutto di un lavoro quinquennale di siQuri sfociato oggi in questo gioiello di innovazione. Non va qui dimenticato il nostro articolo sul consumo eccessivo e non equilibrato di fibre  ed è proprio qui che frullatore ed estrattore vanno ad integrarsi.

La funzione dei succhi, degli estratti a bassa velocità, come ho definito prima, è quella di velocizzare i processi di assorbimento dei micronutrienti attivi e degli enzimi che mantengono, proprio per questa lavorazione ‘toroidale lenta’ una bassa volatilità, ovvero resistono più a lungo fra il momento della lavorazione e il momento del consumo.

Nel lifestyle di cucina sana va poi ad aggiungersi la terza tecnologia che completa il ciclo di lavorazione con l’essiccazione lenta a bassa temperatura, ma è un argomento che affronterò nel prossimo articolo.

Fatto in casaNutrizioneVitalità

La colazione ideale in inverno, 100% fatta in casa (esempi pratici)

30 Novembre 2017 — by siQuri0

Se fai sempre la solita colazione, oppure, peggio ancora, non la fai! Questo articolo fa per te; trovi degli spunti interessanti per innovare il pasto più importante della giornata. Eccoti una vera colazione ideale in inverno totalmente preparata in casa con le tue mani…

Immagino quello che stai pensando: “e chi ce l’ha il tempo alla mattina per fare colazione?
In effetti non hai tutti i torti.
La vita frenetica di tutti i giorni, gli impegni lavorativi, ecc. portano a trascurare il pasto più importante della giornata. Eppure basta seguire alcuni semplici accorgimenti per far diventare la colazione una sana abitudine quotidiana come è giusto che sia.

La colazione è ancora più importante nella stagione fredda, perché oltre a darci le energie per affrontare al meglio la giornata lavorativa, ci da anche le calorie necessarie  per sopportare il freddo pungente di questo periodo.

Dopo questa doverosa premessa, andiamo a vedere come strutturare in pratica la nostra colazione ideale, adottando dei semplici “accorgimenti tattici” che ci permetteranno di auto-produrci quasi tutto in casa, persino il latte. Renderemo così, ancora più sano e salutare il nostro breakfast.

VALE ANCHE PER TE CHE FAI SEMPRE LA COLAZIONE AL BAR!
CONTINUA A LEGGERE, TROVERAI DEGLI SPUNTI INTERESSANTI CHE non ti faranno rimpiangere cappuccino e brioche!

siQuri la colazione ideale
La colazione ideale dovrebbe coprire il 25% del nostro fabbisogno energetico quotidiano.

Per sfruttare al meglio i benefici di questo pasto, è necessario scegliere con cura il menù: la colazione ideale dovrebbe coprire il 25% del nostro fabbisogno energetico quotidiano.

ecco cosa dovrebbe comprendere la colazione ideale in iverno:

  • Latte vegetale auto-prodotto. Apporta grassi buoni Omega 3 e Omega 6
  • Barrette energetiche di fibre e cereali auto-prodotte. Apportano fibra organica e sali minerali 
  • Succo Vivo estratto al momento. Apporta: vitamine, enzimi e antiossidanti
  • Pane integrale e marmellata fatti in casa. Apportano carboidrati e zuccheri a cessione lenta

Ma come trovo il tempo alla mattina per preparare in casa tutto questo?

Semplice! E’ sufficiente pianificare la preparazione delle materie prime la sera prima, in modo che la mattina, non dovrai far altro che “trasformarle” in cibo pronto.
Tieni presente che per una colazione tipo, ti ci vogliono almeno 15 minuti. Quindi prendi la sana abitudine di alzarti un pò prima. Ne varrà la pena, perché godrai letteralmente di cibo genuino, freschissimo, ricco di nutrienti.

Se fai regolarmente per 21 giorni quello che ti spiegherò in seguito, la colazione diventerà una sana abitudine quotidiana.

Non preoccuparti, adesso andremo a vedere passo passo come preparare tutti gli elementi necessari.
Prenderemo un giorno tipo, strutturando un menù, che poi potrai variare in base alla stagionalità e ai tuoi gusti personali.

Innanzitutto andiamo a stabilire gli strumenti indispensabili che ci servono

Sono 3 tecnologie del benessere che ti consiglio di avere in casa, prima di tutto perché ti consentono di preparare direttamente, in modo sano e genuino, tutto quelle che ti serve, (non solo per la prima colazione) e a lungo andare ti permettono di risparmiare, perché vai a scegliere la materia prima nella giusta stagionalità che è più saporita e costa meno; ottenendo il massimo dei nutrienti.
In secondo luogo ti permettono di risparmiare tempo nella preparazione, perché facilitano tutti i processi trasformativi delle materie prime.

Andiamo a vedere a questo punto nel concreto come utilizzare queste tecnologie del benessere per strutturare al meglio la nostra colazione ideale in inverno.

  • preparazione del latte vegetale

    1) Cosa devi fare la sera prima
    Semplicemente metti a bagno in acqua della frutta secca a scelta (mandorle, noci, anacardi, nocciole, ecc.)  o cereali (aveva, riso, farro, ecc.) tempo necessario 2 minuti! 
    La quantità necessaria da mettere in ammollo dipende dal tipo di latte vegetale, generalmente sono sufficienti 200 gr per fare un litro di latte.

    2) Cosa devi fare la mattina seguente
    Prendi la frutta secca o i cereali, getta l’acqua di ammollo e risciacquali.
    Accendi l’estrattore di succo ed effettua l’estrazione alternando la frutta con l’acqua.
    Segui la video-ricetta sotto per fare il latte di aveva. Tempo necessario 5 minuti!

    Proprietà del latte vegetale di avena
    E’ particolarmente ricco di vitamina E e potassio e ha un basso contenuto calorico.
    Se sei allergico o intollerante al latte vaccino, quello d’avena può essere una valida alternativa da assumere per una colazione ideale.
    Tra le sue principali proprietà, c’è quella di aiutare a ridurre il colesterolo e i trigliceridi nel sangue.
    Oltre al latte di avena, puoi preparare il latte di mandorla, latte di noci, latte di nocciole, latte di anacardi, ecc

    Puoi consumare il latte così com’è oppure lo puoi riscaldare leggermente.
    Nel caso di latte da cereali è consigliabile farlo riscaldare perché è più facile da digerire.


  • Preparazione delle Barrette Energetiche

    1) Cosa devi fare la sera prima
    Mescola gli ingredienti assieme alle fibre avanzate dall’estrazione del succo e forma delle “mattonelle” (guarda la video ricetta sotto) e mettile nelle piastre dell’essiccatore. Accendi l’essiccatore e imposta il tempo di essiccazione.
    Tempo necessario 10 minuti!

    2) Cosa devi fare la mattina seguente
    Dividi le mattonelle di fibre e cereali in barrette e fai proseguire l’essiccazione. Tempo necessario 5 minuti!
    Generalmente ci vogliono 48 ore per una completa essiccazione, quindi saranno pronte la mattina seguente. Ugualmente però, anche se è non è essiccata del tutto, puoi prendere una barretta per fare la tua colazione.
    La mattina seguente saranno pronte, già porzionate, quindi non dovrai fare niente, solo mangiarle!

    La preparazione di barrette energetiche di fibre e cereali fatte in casa è una soluzione pratica per una colazione ideale. Veloce, da consumare, se al mattino si ha poco tempo.
    Una barretta di fibre contiene importanti nutrienti che fanno bene al nostro intestino e la ricetta che ti propongo ha un ingrediente in più per una carica di energia extra.
    Un’altra ottima idea è quella di completare la nostra colazione con qualche SuperFood; se non conosci cosa sono ti invitiamo a leggere l’articolo ‘Superfood: sai che cosa sono?‘.


  • pREPARAZIONE DEL SUCCO VIVO

    1) Cosa devi fare la sera prima
    Taglia a pezzi la frutta e verdura necessaria per fare l’estratto e conservala in frigo in una vaschetta a chiusura ermetica, aggiungendo un pò di succo di limone. Tempo necessario 5 minuti!*
    *Tieni presente che questa preparazione è opzionale, puoi farla anche la mattina stessa mentre estrai il succo.

    2) Cosa devi fare la mattina seguente
    Semplicemente, accendi l’estrattore di succo ed inserisci la frutta e verdura.
    Bevi il succo appena estratto immediatamente per sfruttare al massimo i micronutrienti in esso contenuti.
    Tempo necessario 5 minuti anche meno!

    Prepariamoci un ottimo estratto di succo vivo, magari scegliendo frutta  e verdura di stagione.
    Anche qui la scelta sta in base ai tuoi gusti personali; puoi prendere spunto dal nostro ricettario per estrattore di succo oppure puoi prendere spunto dalla nostra rubrica [Materia Prima] che trovi on-line sul nostro sito.
    Il succo di frutta è ricco vitamine enzimi ed antiossidanti. Rappresenta un ottima scelta per la prima colazione in quanto da energia ed è utile per rafforzare il nostro sistema immunitario.

    Sotto hai l’esempio di una video ricetta pronta all’uso :


  • PREPARAZIONE DELLA MARMELLATA FATTA IN CASA

    1) Cosa devi fare la sera prima
    Non ti spaventare, la nostra versione della marmellata fatta in casa è semplificata e si prepara in poco tempo, seguendo i semplici passaggi che trovi nella video ricetta sotto.
    Quello che ti serve sono degli avanzi dall’estrattore di succo, stevia (dolcificante naturale a basso indice glicemico) e un vasetto di vetro.Tempo necessario 15 minuti!2) Cosa devi fare la mattina seguente
    Prendi il vasetto di marmellata preparato la sera prima e spalmala su una fetta di pane integrale!
    Tempo necessario 1 minuto!

    La marmellata fatta in casa con gli avanzi da estrattore, oltre ad essere buonissima, è anche un’idea creativa e pratica per recuperare gli scarti di fibre dopo l’estrazione del succo.
    In questo modo hai la possibilità di conservare la freschezza e la bontà della frutta fresca per tutto l’anno. Con questo tipo di marmellata hai un buonissimo apporto di fibra che ti aiuta a migliorare la funzionalità dell’intestino, ma non solo, ti aiuta nella riduzione del colesterolo cattivo, della glicemia (visto l’utilizzo della stevia) e dell’incidenza di malattie gastrointestinali. La fibra, infine, è anche fondamentale per perdere peso perché induce un senso di sazietà


  • preparazione del pane fatto in casa

Questa preparazione è sicuramente quella  più impegnativa.
Non tanto per la complessità della ricetta, me perché ci vuole più tempo necessario; ma attenzione, la lavorazione in se è veloce e richiede pochi minuti, il tempo più lungo è quello necessario per la lievitazione, ma non saremo noi a lavorare, ma sarà in tempo, appunto, a lavorare per noi.

Per questo motivo, ti invito a prendere la sana abitudine di preparare il pane il sabato, quando hai a disposizione più tempo. Lascialo lievitare per 24 ore e mettilo in forno la domenica sera utilizzando il cuoci pane, in modo che il lunedì mattina troverai il pane fresco appena fatto.
Una pagnotta, calcolando una fetta al giorno, ti è sufficiente per una settimana.
Il sabato tornerai nuovamente a fare il pane per la settimana successiva. Semplice!

Grazie a laBell, puoi conservare il pane fresco per più giorni. Eventualmente se lo preferisci, puoi tostare leggermente il pane prima di spalmarvi la marmellata.

Per fare tutto questo segui la video ricetta che trovi sotto:


Come vedi, una semplice pianificazione ti permette di fare una sana colazione senza particolari difficoltà, in meno di 15 minuti. Basta prendere l’abitudine giusta, trovare i propri “accorgimenti strategici” per organizzarti e vivere senza stress uno dei momenti più importanti della giornata.

Ricorda che una colazione ben fatta è fondamentale per partire con il piede giusto per affrontare con la giusta carica gli impegni quotidiani.
Tranquillo/la con questo tipo di colazione, non avrai il classico calo glicemico a metà mattinata, perché evitando gli zuccheri raffinati, che danno solo un’energia momentanea, a favore di fibre e carboidrati integrali, avrai un rilascio graduale, ma costante di energia buona ed efficiente per il tuo organismo.

Qui hai una traccia, un esempio di menù, le varianti e le aggiunte sono infinite.
Puoi per esempio introdurre il cioccolato fondente, magari da aggiungere alle barrette di fibre, oppure grattugiato sul succo vivo.

Un momento!
Immagino ancora cosa stai pensando: “ma il caffè! Il caffè lo posso bere?
Per questo argomento, dedicheremo un apposito articolo su questo blog, rimani connesso perché abbiamo importanti novità su questo fronte….


Ti potrebbero interessare anche :

Come fare una colazione sana e nutriente
Fibre alimentari come assumerle?

Fibre alimentari fanno bene?
Riscopriamo il pane fatto in casa

Erbe AromaticheFatto in casaMeleNutrizioneVitalità

Come fare un Succo Detox Rosso ideale per la primavera (ricetta pratica)

21 Marzo 2017 — by Marina Ribas Torres0

Se in questo periodo di inizio primavera ti senti stanco, hai difficoltà di concentrazionesonnolenza; potrebbe non essere colpa del cambio di stagione

Il senso di malessere generale che senti in questo periodo dell’anno, molto probabilmente è legato ad un disturbo del ciclo della melatonina.

Niente di grave, si intende!

A questo proposito, voglio darti alcune dritte per superare alla grande questa fase di “risveglio” primaverile…

Le ultime ricerche scientifiche attribuiscono questi “fastidi stagionali” ai livelli anomali di melatonina (troppo alti o troppo bassi), che possono far comparire sintomi collegati a disturbi dell’umore.
Questi disturbi temporanei rendono un periodo molto atteso, come l’inizio della primavera, uno dei più difficili dell’anno per quanto riguarda il benessere psicofisico.

Come possiamo aiutare il nostro organismo a superare più rapidamente questo periodo di cambio stagione?

Come sempre la natura ci viene in aiuto permettendoci di combinare assieme alimenti e elementi nutritivi che permettono di equilibrare il ciclo della melatonina.

Ho ideato a questo proposito un succo Detox rosso che ti aiuterà a iniziare le giornate di primavera con più sprint.

Ti consiglio di abbinare a questo succo, della buona cioccolata bio!

Andiamo a vedere come si prepara questo succo Detox rosso:

Ingredienti:

succo_detox_fragole
Succo detox rosso con fragole, arancia, limone e mela

Procedimento:

  1. Sbuccia le arance, il limone e suddividili in spicchi.
  2. Taglia la mela in quattro pezzi, eliminando i semi.
  3. Togli il picciolo verde delle fragole.
  4. Alterna nell’estrattore di succo i vari ingredienti, avendo cura di inserire i pezzi di mela per ultimi.
  5. Nel bicchiere metti un rametto di menta per guarnire.*

    Per rendere il tuo succo più completo, puoi aggiungere dei semi di chia e/o delle bacche di goji direttamente nel bicchiere. Sorseggia il succo alla mattina prima di colazione

Andiamo ad equilibrare il ciclo della melatonina grazie alla vitamina C contenuta nell’arancia e nel limone che stimolano, in sinergia con la Vitamina E contenuta nella mela verde, il sistema nervoso ed è quindi utile in caso di depressione.
Le fragole sono un frutto solare, hanno proprietà diuretiche, depurative e toniche.
Sono inoltre un frutto anti-stanchezza, grazie all’alta concentrazione di potassio. Infine grazie al contenuto di acido folico sono utili per il mantenimento della memoria.

siQuri

 Succo rivitalizzante con curcuma e zenzerosucco-rivital-cover

Come fare un sorbetto all’arancia con l’estrattoresiquri-cover-sorbetto

Fatto in casa

Ciambellone ai semi di chia con polpa di mele e carote

4 Marzo 2016 — by Mimma Morana1

Mimma morana ci insegna come fare un ciambellone ai semi di chia recuperando le fibre di mele e carote avanzate dopo un succo fatto con l’estrattore


Una delle combinazioni piu’ gettonate per i succhi quotidiani fatti con l’estrattore è il connubio tra carote e mele che produce un estratto dolce, profumato, rimineralizzante ed efficacissimo per il viso, le rughe e la luminosità della pelle in generale.

In famiglia beviamo quotidianamente questa gustosa bevanda e ovviamente produciamo degli avanzi di fibre di mele e carote, ancora ricchi di sostanze preziose e quindi….come possiamo utilizzarli?

Oggi vi propongo un gustosissimo ciambellone dove alla salubrità dei resti dell’estrattore ho aggiunto i semi di chia, un vero scrigno di proprietà benefiche.

La Chia e una pianta  originaria del Messico e apprezzata dalla notte dei tempi. La leggenda narra che gli Atzechi traessero da questi semi la forza per vincere le battagliee infatti, nella loro lingua, “chia” vuol dire “forza”.
Questi semi sono molto ricchi di vitamine A, B e C, inclusa la vitamina B6 , utilissime al sistema per aumentare  la capacità di concentrazione e  la diminuzione dell’ansia.
I semini contengono inoltre una importante quantità di acidi grassi essenziali e ,da questo punto di vista, possono essere considerati un sostituto del pesce per tenere sotto controllo il colesterolo e i trigliceridi.
Tra i minerali contenuti in questi semi troviamo moltissimo calcio , ferro , fosforo , magnesio, potassio , zinco , rame che  uniti agli  aminoacidi e  vitamine contribuiscono a fornire all’organismo un ottimo livello di energia.
I semi hanno un alto contenuto di antiossidanti, ben superiore a quello degli altri semi.
Possono integrare ed arricchire molte ricette.

Le mele, come sappiamo, sono ricche di acqua, vitamine e sali minerali, una grossa capacità antiossidante,  assorbono le tossine dall’intestino e le eliminano.

Le carote è auspicabile, appunto, consumarle crude per non perdere i benefici effetti sulla vista, la pelle, l’intestino.

Quindi, avendo a disposizione tanta buona roba, che faccio?
Un ottimo dolce per la colazione, senza lattosio, con pochi grassi e, udite udite, SENZA ZUCCHERO!
…E si, proprio senza zucchero in quanto la polpa ricavata dal succo è dolce, naturalmente e il risultato è stato gradevolissimo. Per coloro che, comunque, desiderano un gusto piu dolce, possono aggiungere 15 gr. di stevia all’impasto.
Comunque sarà una colazione o una merenda salutare dove, un terzo della massa è costituita da fibre, vitamine e sali minerali, dolcificate con il fruttosio naturale contenuto in esse…quindi, cosa aspettate?

siQuri_Pasticci_Pasticcini_Ciambellone_
Ciambellone ai semi di chia con polpa di mele e carote di Mimma Morana

Ingredienti:

  • 200 gr. di avanzi da estrattore (fibre di mele e carote)
  • 200 gr. di farina integrale
  • 2 uova intere Bio
  • 100 gr. olio di lino e girasole bio
  • 50 gr. di acqua  (o latte vegetale)
  • 30 gr. semi di chia
  • 15 gr. di stevia (FACOLTATIVO)
  • la scorza grattugiata di un limone Bio
  •  1 bustina lievito per dolci
  • i semi di una bacca di vaniglia
  • 1 pizzico di sale

Procedimento:

  1. Frullare in un mixer la polpa di mele e carote per rendere il composto più liscio, aiutandovi con un po’ d’acqua
  2. Aggiungere tutti gli altri ingredienti e mescolare bene.
  3. Imburrare e infarinare uno stampo (ciambellone o plum cake)
  4. Infornare a 180° per 30 minuti
  5. Sfornare e spolverare di zucchero a velo

siQuri

Una ricetta della tradizione: la pizza di maissiquri-pizza-mais

Pane fatto in casa con spinaci: una ricetta greenfoto-pane-1

 

Fatto in casaNutrizione

Canederli fatti in casa con spinaci

18 Febbraio 2016 — by Laboratori siQuri.it0

CANEDERLI FATTI IN CASA?
Eccovi i nostri con spinaci : Un piatto decisamente ricco e ideale per la stagione invernale

I canederli, sono un piatto tipico della gastronomia del SudTirolo, in particolar modo delle città di Trento e Bolzano. Questo piatto è sicuramente uno dei più conosciuti ed apprezzati della cucina di montagna, c’è da dire che i canederli sono un piatto molto nutriente adatto soprattutto al periodo autunnale ed invernale.

Infatti, non sono altro che palline di pane farcite con vari ingredienti (se fatti in casa, formaggio e avanzi vari che possono trovarsi in frigo) cotte poi nel brodo.

Per quanto riguarda le origini di questo piatto, possiamo dire che sicuramente i canederli sono una ricetta antichissima di derivazione contadina.

I contadini, infatti, preparavano questo piatto utilizzando gli avanzi di pane diventato raffermo, insieme ai prodotti che l’allevamento gli offriva: formaggi vari appunto, capisaldi della gastronomia Trentina anche ai giorni nostri.
Al giorno d’oggi, i canederli si sono evoluti ed infatti ne possiamo trovare di tutti i tipi con farciture sempre diverse.

Noi vi diamo l’alternativa, vi proponiamo una ricetta per un canederlo fatto in casa con un ingrediente speciale: la fibra degli spinaci.
Noi amanti dello stile Green infatti, dopo un estratto di spinaci, super detox, non buttiamo via la fibra avanzata, la riutilizziamo e questo si che si chiama riciclo creativo.

scopriamo insieme come realizzare facilmente i Canederli fatti in casa, per stupire i nostri commensali

Segui questa ricetta, per creare anche tu i tuoi canederli fatti in casa con spinaci,  a differenza di quanto si potrebbe pensare, non è così difficile da realizzare.

Ingredienti

  • 250 g pane di grano raffermo
  • 1 uovo
  • 2 rape rosse
  • scarto di 150 g di spinaci
  • 100 g formaggio montasio
  • 200 ml latte di riso
  • 100 g funghi champignon
  • 20 g amido di mais
  • 30 g ricotta stagionata
  • erba cipollina
  • prezzemolo
  • fiori eduli
Canederli fatti in casa con spinaci su letto di salsa di rapa rossa
Canederli fatti in casa con spinaci su letto di salsa di rapa rossa

Preparazione

  1. Bagnare il pane raffermo con il latte e lasciare riposare almeno 2 ore in frigo
  2. Unire lo scarto del succo, estratto con l’estrattore di succo Essenzia Green di 150 g di spinaci.
  3. Aggiungere il formaggio, i funghi saltati in padella per pochi minuti e 10 g di amido di mais.
  4. Amalgamare il composto con le mani e lasciare riposare almeno 2 ore in frigorifero, meglio un giorno intero.
  5. Formare delle palle, prendendo una presa di impasto, ruotandolo con il palmo delle mani.
  6. Frullare la rapa rossa con un mestolo di brodo e 10 g di amido di mais e far addensare a fuoco basso per almeno 5 minuti
  7. Cuocere i canederli in abbondante brodo vegetale o acqua salata per 15 minuti circa
  8. Impiattare mettendo 2 mestoli di vellutata nella fondina, due canederli, grattugiare la ricotta e aggiungere le erbette e i fiori.
Canederli fatti in casa con spinaci su letto di salsa di rapa rossa
Canederli fatti in casa con spinaci su letto di salsa di rapa rossa

siQuri

 Le proprietà salutari degli spinaci siquri0spinaicopertina

Pane fatto in casa con spinaci: una ricetta Green foto-pane-1

Fatto in casa

Pane fatto in casa con spinaci: una ricetta green

11 Febbraio 2016 — by Laboratori siQuri.it0

Il pane fatto in casa con spinaci è autentico e genuino.
Autentico nei profumi e nei sapori. Genuino nella sostanza.

Oggi vi diamo una valida alternativa al solito pane comprato, ecco una ricetta per un pane fatto in casa con spinaci, un pane unico perché impastato con le nostre mani !

Se avete in mente di preparare un pranzo vegetariano o vegan, a base di prodotti di stagione e genuini, per amici e parenti, non potete mettere in tavola un pane qualsiasi! E’ bene seguire gli stessi principi di genuinità anche nella scelta del cibo più basilare della nostra alimentazione: il pane

L’unione delle farine antiche, di grani antichi ed il succo con il colore degli spinaci, è il valore aggiunto che determina la bontà di questo pane. Un pane che ci dà gusto e salute!!

Ecco allora la ricetta facile per un pane fatto in casa con spinaci.

Ingredienti

  • 200 g farina petra 1
  • 100 g farina di saraceno
  • 100 g farina d’avena
  • 100 g farina di farro
  • 10 g di malto di mais
  • 50 g lievito madre secco
  • 10 g di sale
  • 100 cl di succo di spinaci
  • 160 cl di acqua
Pane fatto in casa con spinaci
Pane fatto in casa con spinaci

Preparazione

  1. Impastare le farine, il lievito e il malto con il succo degli spinaci e l’acqua. Il succo è stato estratto precedentemente con l’estrattore di succo Essenzia Green 
  2. Aggiungere il sale a fine impasto e lasciare riposare almeno 3 ore a lievitare dentro il cuoci pane Emile Henry.
  3. Fare la forma tonda spolverare la superficie con della farina e incidere con due tagli incrociati e lasciando riposare 30 minuti.
  4. Infarinare il piatto del cuoci pane Emile Henry e infornare il pane dentro la campana a 220 gradi per 45 minuti.
  5. Togliere il cuoci pane gli ultimi 5 minuti di cottura e lascia raffreddare la pagnotta scoperta.

siQuri

Riscopriamo il pane fatto in casa pane-integrale-fatto-in-casa

Le proprietà salutari degli spinacisiquri0spinaicopertina

 Pane super nutriente con semi geminatipane fatto in casa con semi germinati

DetoxFatto in casaNutrizioneVitalità

Come fare una colazione sana e nutriente !

31 Dicembre 2015 — by Laboratori siQuri.it0

Se volete consumare una colazione sana e dietetica, seguite i nostri consigli per non sbagliare.

Adottare un regime alimentare rigoroso può essere un’impresa ardua. La colazione sana invece, deve essere basata su cibi genuini, preferibilmente fatti in casa e molti alimenti integrali. La frutta non può mancare ma c’è spazio anche per qualche dolce trasgressione.

È uno dei pasti più amati della giornata, eppure sempre più italiani saltano la prima colazione. Ben 7 milioni, secondo l’indagine Doxa Io comincio bene commissionata da AIDEPI (Associazione italiana industrie della pasta e del dolce). Negli ultimi dieci anni le persone che non fanno colazione, sono raddoppiati, dall’8 % al 14%, per diversi motivi. La metà parte di loro afferma di avere lo stomaco chiuso a quell’ora, altri preferiscono mangiare qualcosa a metà mattinata; alcuni di non avere tempo; mentre altri ancora scelgono di fare un pranzo più abbondante.

PER INIZIARE CON ENERGIA LA GIORNATA

Il buongiorno si vede dal mattino, e soprattutto ha l’oro in bocca! Quindi è preferibile non saltare la colazione, perché è uno dei pasti principali, quello che in termini di calorie bruciamo di più. Mangiare appena svegli è fondamentale per avere le energie giuste per affrontare tutti gli impegni della giornata.

PER CHI ADORA LA FRUTTA

È un ottimo alimento da consumare a colazione. La frutta fornisce vitamine, antiossidanti, fibra, e aiuta il ripristino delle riserve glucidiche. Quella migliore è quella di stagione, magari locale, biologica, che riduce la presenza di inquinanti tossici.

colazione sana di siQuri

Vediamo quindi come mangiare nel modo giusto, per una colazione sana, e quali cibi scegliere

Ecco qui alcuni suggerimenti per una colazione sana:

  • Fette biscottate o pane integrale con marmellata. Questi ingredienti sono ricchi di fibre e con gli zuccheri della marmellata rappresentano un ottimo inizio di giornata. Una combinazione ottima insomma. Il pane integrale con marmellata: ricco di fibre associa agli amidi gli zuccheri semplici della marmellata. Un mix vincente che fornirà un rilascio costante di energia durante la mattinata.
  • Per chi effettua attività fisica un po’ di cioccolato fondente al mattino non guasta. Infatti fornisce ferro, potassio, fosforo e una giusta dose di antiossidanti. Proprio la mattina è la fase della giornata migliore per assumere un po’ di dolce.
  • Invece di mangiare singolarmente la frutta perchè non metterla insieme in una bella e salutare macedonia? Noi italiani non siamo molto abituati a mangiare la frutta al mattino, ma sbagliamo perché è il momento migliore della giornata per consumarla.Leggi il nostro articolo: Macedonia autunnale di mela cotogna e uva nera.
  • Il succo di frutta: dissetante, ricco di antiossidanti e minerali rappresenta un ottima scelta per la prima colazione. Evitiamo quelli in commercio pieni di conservanti e coloranti a favore di un sano e salutare estratto naturale di succo vivo, che estragga e conservi il massimo dei nutrienti dalla frutta e verdura,
  • Yogurt, noci e mandorle, una colazione sana con gli antiossidanti della frutta secca e le vitamine del frutto.

ed ecco con le nostre video ricette, da seguire e magari personalizzare, per creare e comporre una vostra colazione sana !

fantasia e benessere sono i nostri due ingredienti di partenza per creare una colazione sana.

Colazione 01

  • Estrarre il succo di una mela
  • Versare il contenuto del succo della mela e la stessa quantità di latte di mandorla
  • Aggiungere un pizzico di cannella

Colazione 02

  • Versare del muesli circa 3 -4 cucchiai
  • Addolcire con una banana a fettine
  • Unire il latte di mandorla

Colazione 03

  • Una fetta biscottata integrale al farro con crema di mandorla e miele e un’altra con marmellata di frutti di bosco
  • Accompagna con un bicchiere di latte di mandorla


Colazione 04

  • Yogurt vegetale di mandorla


Colazione 05

  • Estratto di succo da arancio, carota e sedano


Leggi anche :
Riscopriamo il pane fatto in casa
Le 5 proprietà della cannella: te ne innamorerai
Cacao Crudo: proprietà benefiche con gusto
Il latte di mandorla – Prima preparazione

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...