Insalatescarti da estratti

Pappardelle crudiste? con gli scarti dell’estrattore si può

22 luglio 2015 — by Alexander Pincin0

main

Insalatescarti da estratti

Pappardelle crudiste? con gli scarti dell’estrattore si può

22 luglio 2015 — by Alexander Pincin0

Condividi con Amore...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il caldo porta il nostro corpo ad acclamare acqua, sali minerali, vitamine: come fare per rivitalizzarci? Un grande aiuto nella reidratazione viene dagli estratti di succo vivo, ma come facciamo con gli scarti? E’ un peccato buttarli via, non credi!?

Il succo contiene importanti oligoelementi nutrizionali, certo, ma lo scarto può essere recuperato in mille modi. Lo scarto ha un buon sapore ed è utile al benessere del nostro intestino.

Oggi vi propongo delle pappardelle crudiste di zucchine. Un piatto crudo e veloce, che riutilizza ben due scarti: quello del latte di mandorla e quello del succo di carota, che insieme ad altri ingredienti diventeranno il condimento delle nostre zucchine crude.


Per questa ricetta, tutta mediterranea, ci serviranno
:

Per le pappardelle crudiste di zucchine, utilizziamo uno sbucciatore in ceramica con lama longitudinale [ Foto di Gloria Scapin ]

Per le pappardelle crudiste di zucchine, utilizziamo uno sbucciatore in ceramica con lama longitudinale, semplice e veloce da usare! Per differenziarci dalla moda dello spaghetto, noi faremo una pappardella!

Per prima cosa tagliamo a metà i pomodorini datterini, con un coltello in ceramica, per non ossidarli. Una volta svuotati della loro acqua, li depositiamo nel cestello del nostro essiccatore in acciaio, azionando il programma T5 (60°C), e lo lasciamo lavorare per 16 ore. Altrimenti, se vogliamo seguire il programma crudista, sceglieremo il P3 (40°-42°C) con 24 ore di essiccazione, in modo da mantenere al meglio le proprietà nutrizionali. Tutto dipende dalla quantità di tempo che abbiamo a disposizione.

La sera mettiamo a bagno le Mandorle di Toritto, un prodotto proveniente dalla grande tradizione mediterranea della Fattoria delle Mandorle.

La mattina successiva, con lestrattore,  realizziamo un estratto di succo vivo a base di carota, per detossificare e apportare al nostro organismo un ottimo quantitativo di vitamina A,
Dell’ estratto salviamo lo scarto di fibre di carota che riporremo con cura nel frigo.

Di seguito, dopo una notte in ammollo, procediamo all’estrazione delle mandorle, (di cui salveremo nuovamente lo scarto!), ottenendo un latte vegetale da accompagnare con dei müesli, un mix che ci dà tutte le proteine, fibre, vitamine, grassi ed energia necessari ad affrontare la mattinata.

Quando torniamo a casa dal lavoro, siamo finalmente pronti per realizzare la nostra ricetta: togliamo dall’essiccatore i pomodorini datterini, condiamoli con dell’olio extravergine molto speciale, ottenuto dalla spremitura a freddo degli Olivi Secolari del Salento. Aggiungiamo i fiori e le foglie di timo essiccate precedentemente, un pizzico di sale integrale marino di Trapani, e infine gli scarti di mandorla e carota messi da parte in mattinata.

Per finire, trasformiamo le nostre zucchine in pappardelle con l’aiuto dello sbucciatore in ceramica longitudinale, uniamo il condimento… e buon appetito rinfrescante!

siQuri Valori Nutrizionali

[ Foto di Gloria Scapin ]

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Condividi con Amore...
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Alexander Pincin

Alexander Pincin

Chef di cucina naturale. Ricerco, sperimento, condivido, e non smetto mai d'imparare dagli altri e da me stesso, con particolare attenzione per il sacro e le tradizioni in cucina.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I Campi obbligatori sono marcati con *