main

Fatto in casaLatte Vegetale

Latte di avena: la video ricetta

14 agosto 2015 — by Chef Martino Beria0

Hai visto com’è facile e veloce preparare il latte di avena con un estrattore di succo?

Il procedimento è simile alla preparazione di tutti gli altri latti vegetali, tipo quello di mandorla, di nocciole, di cocco, ecc.

E’ richiesto un ammollo preliminare, in acqua, di alcune ore, per re-idratare la materia prima e la successiva estrazione, alternando l’avena con l’acqua pulita.

Otterrai così un latte vegetale fatto in casa che presenta numerosi vantaggi rispetto al latte vegetale confezionato:

  • Non contiene conservanti
  • Non contiene zuccheri raffinati
  • Non è stato pastorizzato, quindi mantiene inalterate tutte le sostanze nutritive
  • E’ sempre fresco, perché lo puoi fare il giorno stesso che ti serve
  • E’ economico, il “costo di produzione” è irrisorio.

siQuri_AvenaTra le principali proprietà del latte di avena, c’è quella di aiutare a ridurre il colesterolo cattivo (LDL) e i trigliceridi nel sangue.
Questo perché esso contiene molte fibre che favoriscono la digestione, come il beta-glucano, una fibra solubile che aumenta la flora intestinale.
Inoltre, il latte d’avena è ricco di carboidrati complessi, ad assorbimento lento, ed è per questo un alimento ideale per le diete.
Oltre a migliorare la digestione, infatti, fa arrivare prima la sensazione di sazietà, favorendo l’effetto dimagrante.
Tra i latti vegetali, quello d’avena è particolarmente ricco di vitamina E, potassio, e ha un basso contenuto calorico. E’ il cereale più ricco di proteine e di acidi grassi essenziali, come l’acido linoleico.

SIETE ALLERGICI O INTOLLERANTI AL LATTE VACCINO?

Il latte di avena è una valida alternativa. Può essere consumato anche dai celiaci e la sua preparazione risulta semplice da fare in casa!
Sono infatti sufficienti:

– 200 gr. di fiocchi d’avena
– 1,5 L. di acqua

In pochi passaggi otterrai una bevanda naturale ideale per esempio per la prima colazione; nella preparazione di biscotti o dolci.
Essendo il latte di avena già particolarmente dolce puoi utilizzare una minore quantità di dolcificante nelle ricette.

«   Cin Cin, O MEGLIO: Green Green!   »

Leggi anche:

Latte di cocco fatto in casa: la video ricetta
Latte di mandorla – Prima preparazione
Latte di mandorla – Seconda preparazione
Il latte di mandorla a colazione

Fatto in casaLatte Vegetale

Latte di cocco fatto in casa: la video ricetta

6 agosto 2015 — by Chef Martino Beria0

Dissetante, fresco, salutare, il latte di cocco, sembra proprio la bevanda ideale; analizziamola più a fondo e scopriamone le proprietà nutrizionali.

Il latte di cocco, uno dei migliori sostituti del latte vaccino

Ricco di sostanze nutritive, come sali minerali e vitamine, il latte vegetale di cocco, è un ottima alternativa al latte tradizione in quanto non contiene lattosio (adatto quindi per soggetti sensibili a questo zucchero), caseina (proteina del latte) e colesterolo.
Recentemente sono state scoperte nuove proprietà che rendono questa bevanda adatta per tutti: sportivi, bambini e anziani.
Questi sono i benefici principali:

  • Fonte di sali minerali: magnesio, selenio, zinco, ferro e molto potassio.
  • Fonte di grassi “buoni”: i grassi saturi presenti, hanno dimostrato di diminuire i livelli del colesterolo cattivo (LDL) e di aumentare quello buono (HFD) con azione antivirale e antibatterica.
  • Fonte di vitamine: vitamina C ed E ad azione antiossidante contro i radicali liberi.
  • Ottimo rimedio naturale per combattere la gastrite e dare sollievo all’intestino.
  • Ottimo regolatore di sazietà: grazie al contenuto di fibre e ai grassi presenti, il latte di cocco porta a consumare una media di circa 256 calorie in meno al giorno.
Utilizzi del latte di cocco

siQuri_LatteCocco_Il latte di cocco è molto popolare in Malesia, India, nelle Filippine e in molti altri Paesi del Sud-Est Asiatico, dove costituisce un ingrediente fondamentale in molte ricette esotiche.

Un ottimo abbinamento è quello con i succhi vivi di frutta e verdura, perché li rende più saporiti e particolari.

Il sapore del cocco si sposa perfettamente con il caffè. Essendo dolce, si può evitare di aggiungere zucchero, gustando quindi una bevanda naturale e con ridotto indice glicemico.

Infine è possibile un utilizzo estetico del latte di cocco, per creme o preparazioni cosmetiche autoprodotte.

come si produce in casa con l’utilizzo di un estrattore di succo

Il latte di cocco, si può trovare in commercio, ma quello di buona qualità e molto costoso e spesso contiene conservanti e/o zuccheri raffinati.

Perché allora non autoprodurcelo in casa utilizzando un estrattore di succo? Il procedimento è molto semplice e richiede pochi passaggi.

Per circa un litro di latte vegetale di cocco ti serviranno:

– 350 gr di polpa di cocco
– 750 ml di acqua

Ecco i passaggi sintetizzati dalla video ricetta:
1) Taglia a pezzetti la polpa di cocco e lasciala in ammollo per circa 12 ore.
2) Trascorse le 12 ore alterna nell’estrattore di succo la polpa di cocco con i 750 ml di acqua pulita.
3) Effettua una seconda estrazione, ripassando gli scarti “macinati” nell’estrattore di succo.

*Il latte ottenuto può essere conservato in frigo utilizzando una bottiglia a chiusura ermetica.

«   Cin Cin, O MEGLIO: Green Green!   »

LEGGI anche:
Latte di mandorla – Prima preparazione
Latte di mandorla – Seconda preparazione
Il latte di mandorla a colazione

Latte Vegetale

IL LATTE DI MANDORLA – PRIMA PREPARAZIONE

21 marzo 2015 — by siQuri0

Siamo nel laboratorio di cucina di siQuri.com. Il nostro Food Designer Alessandro Conte ci propone una  preparazione alternativa del latte di mandorla fatto in casa. La ricetta prevede il riutilizzo dello scarto ottenuto dopo l’estrazione delle mandorle effettuato con Essenzia Green.


LATTE DI MANDORLA: È UN LATTE CHE HA BEN POCO DA INVIDIARE AL LATTE VACCINO.

RISPETTO A QUESTO HA MENO PROTEINE, PIÙ ZUCCHERI E UNA QUOTA DI GRASSI A METÀ TRA IL LATTE INTERO E IL LATTE PARZIALMENTE SCREMATO.

siQuri_MandorleIl contenuto proteico non elevato lo rende più simile del latte vaccino al latte umano, e per questo costituisce una buona integrazione nell’alimentazione del bambino dopo l’anno d’età, soprattutto in caso di intolleranze o allergie al latte: l’aspetto nutrizionale che si correla ad un alto rischio di sovrappeso e obesità nei bambini fino ai 2 anni, infatti, è un eccessivo quantitativo proteico dell’alimentazione, che spesso si riscontra in bambini allattati con latte vaccino.

Gli zuccheri sono presenti, e lo si intuisce dal sapore, tuttavia il contenuto di carboidrati è rappresentato anche da amidi, e questo porta a due vantaggi: il latte di mandorla è dolce naturalmente e non deve essere aggiunto zucchero. La presenza di amidi fa sì che questa bevanda non abbia un alto indice glicemico, quindi è adatto anche nell’alimentazione dei diabetici. I grassi, a differenza dei grassi saturi del latte vaccino che influiscono sulla produzione interna del colesterolo, sono per lo più insaturi (acido oleico), con effetto protettivo per il cuore.

Sempre proseguendo il paragone con il latte vaccino, quello di mandorla ha un ottimo contenuto di calcio biodisponibile, cioè immediatamente utilizzabile, e di fosforo, minerali fondamentali per la calcificazione ossea, la regolazione di processi ormonali e nervosi, muscolari e di trascrizione genica.

Il latte di mandorla contiene molto magnesio, non così presente nel latte vaccino. Il magnesio regola l’assorbimento di altri nutrienti come il calcio, la vitamina D, il fosforo e il potassio ed è coinvolto nei processi metabolici cellulari che favoriscono la crescita e la manutenzione dei tessuti, nonché il benessere delle cellule stesse; inoltre svolge un ruolo chiave nel controllo del sistema nervoso, insieme al potassio, anch’esso contenuto nel latte di mandorla.


Leggi anche:
Latte di mandorla – Seconda preparazione
Nocciole buone da mangiare e da bere
Latte vegetale con il mal di testa? Si Può!

Latte Vegetale

Latte di mandorla – Seconda preparazione

21 marzo 2015 — by siQuri0

Siamo nel laboratorio di cucina di siQuri.com. Il nostro Food Designer Alessandro Conte ci propone una preparazione alternativa del latte di mandorla fatto in casa. La ricetta prevede il riutilizzo dello scarto ottenuto dopo l’estrazione delle mandorle effettuato con Essenzia.

LATTE DI MANDORLA: È UN LATTE CHE HA BEN POCO DA INVIDIARE AL LATTE VACCINO.

RISPETTO A QUESTO HA MENO PROTEINE, PIÙ ZUCCHERI E UNA QUOTA DI GRASSI A METÀ TRA IL LATTE INTERO E IL LATTE PARZIALMENTE SCREMATO.

Il contenuto proteico non elevato lo rende più simile del latte vaccino al latte umano, e per questo costituisce una buona integrazione nell’alimentazione del bambino dopo l’anno d’età, soprattutto in caso di intolleranze o allergie al latte: l’aspetto nutrizionale che si correla ad un alto rischio di sovrappeso e obesità nei bambini fino ai 2 anni, infatti, è un eccessivo quantitativo proteico dell’alimentazione, che spesso si riscontra in bambini allattati con latte vaccino.

Gli zuccheri sono presenti, e lo si intuisce dal sapore, tuttavia il contenuto di carboidrati è rappresentato anche da amidi, e questo porta a due vantaggi: il latte di mandorla è dolce naturalmente e non deve essere aggiunto zucchero. La presenza di amidi fa sì che questa bevanda non abbia un alto indice glicemico, quindi è adatto anche nell’alimentazione dei diabetici. I grassi, a differenza dei grassi saturi del latte vaccino che influiscono sulla produzione interna del colesterolo, sono per lo più insaturi (acido oleico), con effetto protettivo per il cuore.

Sempre proseguendo il paragone con il latte vaccino, quello di mandorla ha un ottimo contenuto di calcio biodisponibile, cioè immediatamente utilizzabile, e di fosforo, minerali fondamentali per la calcificazione ossea, la regolazione di processi ormonali e nervosi, muscolari e di trascrizione genica.

Il latte di mandorla contiene molto magnesio, non così presente nel latte vaccino. Il magnesio regola l’assorbimento di altri nutrienti come il calcio, la vitamina D, il fosforo e il potassio ed è coinvolto nei processi metabolici cellulari che favoriscono la crescita e la manutenzione dei tessuti, nonché il benessere delle cellule stesse; inoltre svolge un ruolo chiave nel controllo del sistema nervoso, insieme al potassio, anch’esso contenuto nel latte di mandorla.

 

Latte Vegetale

Latte di mandorla per colazione

21 marzo 2015 — by siQuri0

latte di mandorla: è un latte che ha ben poco da invidiare al latte vaccino.

Rispetto a questo ha meno proteine, più zuccheri e una quota di grassi a metà tra il latte intero e il latte parzialmente scremato.

Il contenuto proteico non elevato lo rende più simile del latte vaccino al latte umano, e per questo costituisce una buona integrazione nell’alimentazione del bambino dopo l’anno d’età, soprattutto in caso di intolleranze o allergie al latte: l’aspetto nutrizionale che si correla ad un alto rischio di sovrappeso e obesità nei bambini fino ai 2 anni, infatti, è un eccessivo quantitativo proteico dell’alimentazione, che spesso si riscontra in bambini allattati con latte vaccino.

Gli zuccheri sono presenti, e lo si intuisce dal sapore, tuttavia il contenuto di carboidrati è rappresentato anche da amidi, e questo porta a due vantaggi: il latte di mandorla è dolce naturalmente e non deve essere aggiunto zucchero. La presenza di amidi fa sì che questa bevanda non abbia un alto indice glicemico, quindi è adatto anche nell’alimentazione dei diabetici. I grassi, a differenza dei grassi saturi del latte vaccino che influiscono sulla produzione interna del colesterolo, sono per lo più insaturi (acido oleico), con effetto protettivo per il cuore.

Sempre proseguendo il paragone con il latte vaccino, quello di mandorla ha un ottimo contenuto di calcio biodisponibile, cioè immediatamente utilizzabile, e di fosforo, minerali fondamentali per la calcificazione ossea, la regolazione di processi ormonali e nervosi, muscolari e di trascrizione genica.

Il latte di mandorla contiene molto magnesio, non così presente nel latte vaccino. Il magnesio regola l’assorbimento di altri nutrienti come il calcio, la vitamina D, il fosforo e il potassio ed è coinvolto nei processi metabolici cellulari che favoriscono la crescita e la manutenzione dei tessuti, nonché il benessere delle cellule stesse; inoltre svolge un ruolo chiave nel controllo del sistema nervoso, insieme al potassio, anch’esso contenuto nel latte di mandorla.


Ricettario Estratti per Bambini

Il team siQuri, ha voluto realizzare il primo ricettario per estratti di succhi dedicato alle mamme e ai propri bambini ‘1° Ricettario di Estratti per Bambini‘ disponibile in 4 lingue diverse (Italiano, Spagnolo, Francese e Tedesco).

Lo scopo è quello di portare nelle famiglie uno strumento pratico finalizzato ad aumentare il consumo di frutta e verdura in modo semplice e naturale. Iscriviti alla newsletter [ Materia Prima – siQuri ] e scopri questo ed altri ricettari pieni di gustose e pratiche ricette salutari.

Latte di Cocco - Latte di Mandorle - Latte di Avena
Latte di Cocco – Latte di Mandorle – Latte di Avena
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...