main

AntiagingDetoxFatto in casaNutrizione

La colazione prima della corsa mattutina

23 Febbraio 2016 — by Laboratori siQuri.it0

Vi presentiamo oggi due ricette per creare la vostra colazione prima della corsa mattutina

Camminare, correre, fate come volete! L’importante è partire, aggiungere un passo dopo l’altro… e scoprirete che tutti noi siamo fatti per muoverci.

I benefici del movimento aerobico sono molteplici:

  • I polmoni funzionano in modo più efficiente, i vasi sanguigni si dilatano, si fanno più flessibili e riducono la resistenza del sangue
  • Riduce il rischio di demenza
  • Aiuta a creare tessuti del corpo più sani, migliorandone l’ossigenazione
  • Fa miracoli al cuore
  • Aiuta a mangiare, digerire ed eliminare meglio le scorie dall’organismo
  • Aiuta a dormire meglio
  • Migliora l’aspetto estetico
  • Migliora l’equilibrio mentale ed emotivo

A COLAzIONE yOgURT, fRUTTA E CEREALI

La colazione , prima della corsa, deve apportare i giusti nutrienti senza però andare ad affaticare l’organismo.
Come si fa ad alzarsi la mattina e avere voglia di mangiare?
Quanto tempo mi serve, o meglio, quanto tempo sono disposto a dedicare alla mia colazione prima della corsa?

Queste e altre domande sono utili per acquisire consapevolezza rispetto al nostro stile di vita, e su come riusciamo ad adattarci alle situazioni più disparate.
Ognuno ha i propri ritmi, un proprio approccio al cibo e abitudini differenti, ma in una cosa siamo tutti uguali: il nostro corpo e la nostra mente sono plasmabili e si adattano molto più facilmente di quel che pensiamo.
Il nostro compito è quello di abituare il nostro corpo a delle consuetudini che ci portino energia, armonia e gusto.
L’unione di movimento fisico e un’adeguata nutrizione mattutina è un buon inizio per ritrovare la giusta armonia nella nostra vita quotidiana.

Approccio mentale, nutrizione e movimento fisico sono i tre pilastri che condizionano il nostro stile di vita.

Ogni mattina, in base alla necessità, alla stagionalità, e alla disponibilità di frutta e verdura, la colazione può assumere un gusto del tutto speciale.

Colazione prima della corsa – numero 1

Ingredienti

  • 2 fette di ananas maturo da 1 cm: succo 130 cl
  • 250 g yogurt naturale
  • 30 g di riso soffiato integrale
  • Ribes: 5 rametti
  • Polline: 1 cucchiaino

Procedimento

  1. Estrai il succo dell’ananas con l’estrattore e unisci lo yogurt in una scodella
  2. Aggiungi il riso soffiato, il ribes e il polline.

siQuri Colazione e Corsa

COLAZIONE PRIMA DELLA CORSA – NUMERO 2

 Ingredienti

  • 1 mela: 120 g
  • Fiocchi integrali ai frutti rossi: 40 g
  • Yogurt naturale: 250 g
  • Bacche di goji: 10

Procedimento 

  1. Estrai il succo della mela con l’estrattore.
  2. In una scodella versa lo yogurt, l’estratto di mela e i fiocchi integrali ai frutti rossi, aggiungi infine le bacche di goji precedentemente ammollate in acqua.
Colazione prima della corsa con succo di mela, yogurt magro, bacche di goji
Colazione prima della corsa con succo di mela, yogurt magro, bacche di goji

siQuri

Vademecum alimentare: star bene a tavola siQuri_cibosano

Come fare una colazione sana e nutriente La colazione sana ed equilibrata di siquri

 

Fatto in casaNutrizione

Canederli fatti in casa con spinaci

18 Febbraio 2016 — by Laboratori siQuri.it0

CANEDERLI FATTI IN CASA?
Eccovi i nostri con spinaci : Un piatto decisamente ricco e ideale per la stagione invernale

I canederli, sono un piatto tipico della gastronomia del SudTirolo, in particolar modo delle città di Trento e Bolzano. Questo piatto è sicuramente uno dei più conosciuti ed apprezzati della cucina di montagna, c’è da dire che i canederli sono un piatto molto nutriente adatto soprattutto al periodo autunnale ed invernale.

Infatti, non sono altro che palline di pane farcite con vari ingredienti (se fatti in casa, formaggio e avanzi vari che possono trovarsi in frigo) cotte poi nel brodo.

Per quanto riguarda le origini di questo piatto, possiamo dire che sicuramente i canederli sono una ricetta antichissima di derivazione contadina.

I contadini, infatti, preparavano questo piatto utilizzando gli avanzi di pane diventato raffermo, insieme ai prodotti che l’allevamento gli offriva: formaggi vari appunto, capisaldi della gastronomia Trentina anche ai giorni nostri.
Al giorno d’oggi, i canederli si sono evoluti ed infatti ne possiamo trovare di tutti i tipi con farciture sempre diverse.

Noi vi diamo l’alternativa, vi proponiamo una ricetta per un canederlo fatto in casa con un ingrediente speciale: la fibra degli spinaci.
Noi amanti dello stile Green infatti, dopo un estratto di spinaci, super detox, non buttiamo via la fibra avanzata, la riutilizziamo e questo si che si chiama riciclo creativo.

scopriamo insieme come realizzare facilmente i Canederli fatti in casa, per stupire i nostri commensali

Segui questa ricetta, per creare anche tu i tuoi canederli fatti in casa con spinaci,  a differenza di quanto si potrebbe pensare, non è così difficile da realizzare.

Ingredienti

  • 250 g pane di grano raffermo
  • 1 uovo
  • 2 rape rosse
  • scarto di 150 g di spinaci
  • 100 g formaggio montasio
  • 200 ml latte di riso
  • 100 g funghi champignon
  • 20 g amido di mais
  • 30 g ricotta stagionata
  • erba cipollina
  • prezzemolo
  • fiori eduli
Canederli fatti in casa con spinaci su letto di salsa di rapa rossa
Canederli fatti in casa con spinaci su letto di salsa di rapa rossa

Preparazione

  1. Bagnare il pane raffermo con il latte e lasciare riposare almeno 2 ore in frigo
  2. Unire lo scarto del succo, estratto con l’estrattore di succo Essenzia Green di 150 g di spinaci.
  3. Aggiungere il formaggio, i funghi saltati in padella per pochi minuti e 10 g di amido di mais.
  4. Amalgamare il composto con le mani e lasciare riposare almeno 2 ore in frigorifero, meglio un giorno intero.
  5. Formare delle palle, prendendo una presa di impasto, ruotandolo con il palmo delle mani.
  6. Frullare la rapa rossa con un mestolo di brodo e 10 g di amido di mais e far addensare a fuoco basso per almeno 5 minuti
  7. Cuocere i canederli in abbondante brodo vegetale o acqua salata per 15 minuti circa
  8. Impiattare mettendo 2 mestoli di vellutata nella fondina, due canederli, grattugiare la ricotta e aggiungere le erbette e i fiori.
Canederli fatti in casa con spinaci su letto di salsa di rapa rossa
Canederli fatti in casa con spinaci su letto di salsa di rapa rossa

siQuri

 Le proprietà salutari degli spinaci siquri0spinaicopertina

Pane fatto in casa con spinaci: una ricetta Green foto-pane-1

Fatto in casa

Pane fatto in casa con spinaci: una ricetta green

11 Febbraio 2016 — by Laboratori siQuri.it0

Il pane fatto in casa con spinaci è autentico e genuino.
Autentico nei profumi e nei sapori. Genuino nella sostanza.

Oggi vi diamo una valida alternativa al solito pane comprato, ecco una ricetta per un pane fatto in casa con spinaci, un pane unico perché impastato con le nostre mani !

Se avete in mente di preparare un pranzo vegetariano o vegan, a base di prodotti di stagione e genuini, per amici e parenti, non potete mettere in tavola un pane qualsiasi! E’ bene seguire gli stessi principi di genuinità anche nella scelta del cibo più basilare della nostra alimentazione: il pane

L’unione delle farine antiche, di grani antichi ed il succo con il colore degli spinaci, è il valore aggiunto che determina la bontà di questo pane. Un pane che ci dà gusto e salute!!

Ecco allora la ricetta facile per un pane fatto in casa con spinaci.

Ingredienti

  • 200 g farina petra 1
  • 100 g farina di saraceno
  • 100 g farina d’avena
  • 100 g farina di farro
  • 10 g di malto di mais
  • 50 g lievito madre secco
  • 10 g di sale
  • 100 cl di succo di spinaci
  • 160 cl di acqua
Pane fatto in casa con spinaci
Pane fatto in casa con spinaci

Preparazione

  1. Impastare le farine, il lievito e il malto con il succo degli spinaci e l’acqua. Il succo è stato estratto precedentemente con l’estrattore di succo Essenzia Green 
  2. Aggiungere il sale a fine impasto e lasciare riposare almeno 3 ore a lievitare dentro il cuoci pane Emile Henry.
  3. Fare la forma tonda spolverare la superficie con della farina e incidere con due tagli incrociati e lasciando riposare 30 minuti.
  4. Infarinare il piatto del cuoci pane Emile Henry e infornare il pane dentro la campana a 220 gradi per 45 minuti.
  5. Togliere il cuoci pane gli ultimi 5 minuti di cottura e lascia raffreddare la pagnotta scoperta.

siQuri

Riscopriamo il pane fatto in casa pane-integrale-fatto-in-casa

Le proprietà salutari degli spinacisiquri0spinaicopertina

 Pane super nutriente con semi geminatipane fatto in casa con semi germinati

Nutrizione

Le spezie migliori da usare in cucina

5 Febbraio 2016 — by Laboratori siQuri.it0

Delizia il tuo palato con le spezie migliori

L’aroma del curry, il sapore del peperoncino di Cayenna, la freschezza balsamica dello zenzero. Le spezie ci conducono ovunque, facendoci viaggiare attraverso le cucine del mondo stuzzicando il nostro palato. Inoltre, sono degli eccellenti rimedi naturali, contengono proprietà medicinali e, se ben combinate, costituiscono un vero e proprio elisir per il nostro organismo.

Le spezie sono degli eccellenti rimedi naturali, contengono proprietà medicinali e, se ben combinate, costituiscono un vero e proprio elisir per il nostro organismo.
siQuri: Le spezie sono degli eccellenti rimedi naturali, contengono proprietà medicinali e, se ben combinate, costituiscono un vero e proprio elisir per il nostro organismo.

Oggi, siQuri.it ti parla delle spezie migliori che non possono proprio mancare nella tua dispensa. Ti abituerai ad usare sempre le spezie in cucina, ad abbinarle, e a utilizzarle come rimedio per vari disturbi, dando un tocco vivace ai tuoi piatti e viaggiando in Oriente.

Niente di meglio che mangiare con tutti e 5 i sensi.

Ecco la lista delle spezie migliori che i Laboratori di cucina di siQuri hanno selezionato e provato:

  • Cumino
    Dolce e amara insieme, questa spezia è un ingrediente imprescindibile nella cucina orientale. E’ la spezia principale di miscele come Ras el Hanout e Garam Masale (Tandoor). Il cumino è una pianta carminativa dal forte potere digestivo, ideale per accompagnare stufati di legumi e verdure. Ci aiuterà ad evitare fastidiosi gas intestinali quando mangiamo alimenti particolarmente difficili da digerire.
  • Pepe nero
    è una delle spezie migliori e fondamentali. Il suo sapore piccante stimola il sistema digestivo, aiuta la salivazione e facilita la digestione. E’ un alimento antiossidante, ideale nelle stagioni fredde poiché aiuta a scaldare l’organismo. Inoltre, accelerando l’eliminazione di grassi e tossine, fornisce un valido aiuto per perdere peso. E’ ideale per accompagnare carni arrosto o alla piastra. E’ meglio se lo acquistate in grani e lo macinate al momento, in modo da mantenerne intatte tutte le proprietà.
Il pepe nero è una delle spezie migliori e fondamentali. Il suo sapore piccante stimola il sistema digestivo
siQuri: Il pepe nero è una delle spezie migliori e fondamentali. Il suo sapore piccante stimola il sistema digestivo
  • Cannella
    Questa spezia dolce è ideale per confortarci durante i mesi invernali. Dà un sapore particolare ai nostri dolci, e ci aiuta a regolarizzare gli zuccheri nel sangue. Consigliatissima se siete a dieta, utilizzandola al posto dello zucchero.
    Le abbiamo dedicato un articolo apposito nel nostro blog . Leggi l’articolo qui: Le 5 proprietà della cannella: te ne innamorerai.
  • Zenzero
    Una delle nostre radici preferite insieme alla curcuma. Antisettico, antibatterico, stimolante del sistema digestivo, antinfiammatorio… E’ adatto sia per ricette dolci che salate. Viene riconosciuto come alimento medicinale. E’ ottimale anche assunto attraverso un estratto, sia per il gusto, sia perché risulta ancora più digeribile.
    Le abbiamo dedicato un articolo apposito nel nostro blog . Leggi l’articolo qui:  Zenzero: proprietà, benefici e utilizzi 
  • Curcuma
    La regina delle spezie, tra le spezie migliori. Non tanto per il gusto, ma per le sue proprietà. Viene utilizzata anche come colorante, e studi recenti ne hanno dimostrato le incredibili proprietà anticancerogene. Può essere aggiunta a stufati di carne, pesce, succhi, latti vegetali… Aggiungi sempre un pizzico di pepe nero per attivarne il principio attivo: la curcumina. Vi suggeriamo di accompagnarla anche ad un grasso salutare (ad es: olio EVO) che ne favorisce l’assorbimento nell’organismo.
    Le abbiamo dedicato un articolo apposito nel nostro blog . Leggi l’articolo qui:  La curcuma: proprietà, usi e benefici 

siQuri

La paprika: usi e beneficisiquri0spezia-paprikacopertina

siquri0spinaicopertinaLe proprietà salutari degli spinaci 

NutrizioneVitalità

Le proprietà salutari degli spinaci

19 Gennaio 2016 — by Laboratori siQuri.it0

Gli spinaci : questa verdura è ricca di benefici

abbonda di ferro, di vitamina A, di vitamina C, riesce a proteggere la vista, apporta vantaggi al sistema immunitario e si rivela efficace in caso di stitichezza.

Non dovrebbe mai mancare nella nostra alimentazione, perché contribuisce al benessere generale dell’organismo.

Gli spinaci sono una pianta erbacea con interessanti proprietà terapeutiche, il nome scientifico della pianta è Spinacia oleracea ed appartiene alla famiglia delle Chenopodiaceae. Può raggiungere l’altezza di 70 cm circa, con grosse foglie verde scuro.

Scopriamo più nei dettagli tutte le proprietà benefiche degli spinaci.
  • Elevato contenuto di ferro e per le loro virtù energetiche. In realtà, pur essendo vero che questi ortaggi sono particolarmente ricchi di ferro (circa 3 mg per ogni etto), il nostro organismo può trattenere e utilizzare solo una minima parte di questo prezioso nutriente, in quanto gli spinaci contengono anche acido ossalico, una sostanza capace di limitare in maniera consistente la biodisponibilità dei minerali forniti dagli ortaggi a foglie verdi.
  • Contengono buone quantità di vitamine, in particolare vitamina A, essenziale per idratare e tonificare la pelle e per il corretto funzionamento della vista, e vitamina C, fondamentale per rinforzare il sistema immunitario e per combattere i danni provocati dai radicali liberi.
  • Contengono minerali, in particolare rame, zinco, fosforo, potassio e calcio, che regolano il metabolismo idrico dell’organismo e gli scambi osmotici tra le cellule.
Gli spinaci contengono buone quantità di vitamine, in particolare vitamina A, essenziale per idratare e tonificare la pelle e per il corretto funzionamento della vista
Gli spinaci contengono buone quantità di vitamine, in particolare vitamina A, essenziale per idratare e tonificare la pelle e per il corretto funzionamento della vista
  • Contengono acido folico, che contribuisce a stimolare la produzione di globuli rossi e che risulta efficace nella prevenzione di tumori e di patologie cardiovascolari.  Apportano benefici in caso di anemia; per questo gli spinaci restano comunque un alimento consigliato agli anemici ed alle donne in stato di gravidanza.
  • Contengono clorofilla, che rigenera le cellule apportando loro ossigeno, migliora la contrazione cardiaca e rivitalizza il sistema vascolare, e alcuni carotenoidi, che svolgono una buona azione antiossidante.
Gli spinaci: Consigli per il consumo e Controindicazioni

Dal momento che i preziosi micronutrienti presenti negli spinaci vengono dispersi nell’acqua di cottura, essi andrebbero consumati crudi e conditi con succo di limone, in quanto l’acido ascorbico favorisce l’assimilazione del ferro da parte dell’organismo.

Calcoli renali: causati dall’accumulo di “sassolini” (sali minerali) nei reni, rappresentati principalmente dall’ossalato di calcio. Gli spinaci sono ricchi di calcio e ossalati, quindi le persone predisposte o a rischio di sviluppo calcoli renali non dovrebbero consumarne grandi quantità.

 Valori nutrizionali per 100 g:
  • Kcal 31
  • Acqua 90,1 g
  • Proteine 3,4 g
  • Grassi 0,7 g
  • Carboidrati 2,9 g
  • di cui zuccheri 0,4 g
  • Fibre 1,9 g

divider

 La Paprika: usi e benefici siquri0spezia-paprikacopertina

Zenzero: proprietà, benefici, utilizziDollarphotoclub_57686323zenzero 

La curcuma: proprietà, usi e beneficiSiQuri-curcuma

Nutrizione

La paprika: usi e benefici

14 Gennaio 2016 — by Laboratori siQuri.it0

La paprika, tonica e antisettica, stimola l’apparato digerente e rinforza quello circolatorio.

La paprika o paprica è ottenuta da diversi tipi di peperoncino e si ottiene dalla macinazione dei semi e della polpa dei peperoncini secchi.

La miscela dei peperoncini fa sì che a seconda della varietà di peperoncini scelti, il sapore e l’aroma della paprika può variare enormemente, anche la parte dei peperoncini che si scelgono per la macinazione possono farne variare l’aroma.

 La paprika o paprica è ottenuta da diversi tipi di peperoncino e si ottiene dalla macinazione dei semi e della polpa dei peperoncini secchi
siQuri: la paprika o paprica è ottenuta da diversi tipi di peperoncino e si ottiene dalla macinazione dei semi e della polpa dei peperoncini secchi

Tra le tipologie di parike più utilizzate abbiamo tipi di  paprika non piccanti:

  • Paprika fine, si presenta con un colore chiaro e un gusto dolce.
  • Paprika dolce, il suo colore è rosso vivo e il suo aroma è molto intenso e il suo gusto è dolce.
  • Paprika Kulonleges, dal colore rosso vivo, è molto delicata.

Tra le tipologie di paprika dai sapori molto forti abbiamo:

  • Eros Paprika, dal colore marrone, macinata piuttosto grossa e piccante.
  • Paprika rosa, il suo gusto è piuttosto pronunciato.
  • Paprika semi-dolce, dal colore rosso vivo, il suo gusto è forte.
Scopriamo le proprietà e i benefici della paprika

Dall’azione tonica e antisettica, stimola l’apparato digerente, facilita la digestione e rinforza quello circolatorio.  Utilizzata in cucina come condimento, la sua introduzione in Europa è avvenuta grazie agli ungheresi che ne impararono l’uso dai turchi.

  • Contenuto di vitamina A
    La paprika presenta un elevato contenuto di vitamina A, betacarotene e luteina. E’ ricca di vitamine utili a proteggere i vasi sanguigni, tra le quali troviamo la vitamina E. Contiene vitamina B6, considerata utile per prevenire la perdita dei capelli. Un solo cucchiaino di paprika contiene oltre il 100% della vitamina A che dovremmo assumere ogni giorno sulla base delle dosi giornaliere raccomandate (RDA).
  • Proprietà  antinfiammatorie, antibatteriche e digestive
    Contiene ferro, utile per prevenire l’anemia. E’ una fonte di antiossidanti che aiutano a prevenire i segni dell’invecchiamento e a mantenere giovane il nostro organismo. Può aiutare a migliorare la circolazione. Oltre al ferro, la paprika contiene altri sali minerali fondamentali per il nostro organismo, come magnesio, potassio e fosforo. Contiene anche acido folico e vitamina K. La presenza di luteina e zeaxantina è utile per proteggere la salute degli occhi.
    Per il suo contenuto di capsaicina aiuta ad abbassare la pressione sanguigna. Grazie a tutti questi benefici possiamo inserire la paprika tra le spezie della salute.
  • Contenuto di vitamina C
    Il suo contenuto di vitamina C è benefico sia per gli occhi che per la pelle.
Utilizzi della paprika in cucina

La paprika è molto popolare in Ungheria, in Europa viene utilizzata soprattutto per insaporire le patate lessate o cotte al forno.  Tradizionalmente i peperoni utilizzati per preparare la paprica vengono appesi ad essiccare all’aria aperta, proprio come i nostri peperoncini.

La paprika è molto popolare in Ungheria, in Europa viene utilizzata soprattutto per insaporire le patate lessate o cotte al forno
siQuri: la paprika è molto popolare in Ungheria, in Europa viene utilizzata soprattutto per insaporire le patate lessate o cotte al forno

Questa spezia viene utilizzata in cucina per condire numerosi piatti salati. La paprika viene impiegata anche per la preparazione di mix di spezie, la possiamo trovare anche nel “curry” in polvere insieme a curcuma, senape, coriandolo, cumino e pepe nero.

La paprika viene utilizzata soprattutto per condire e insaporire zuppe, stufati e piatti a base di riso.

divider

La curcuma: proprietà, usi e beneficiSiQuri-curcuma

Vademecum alimentare star bene a tavolasiQuri_cibosano

Rosmarino: proprietà e beneficiDollarphotoclub_98367335rosmarin

Zenzero: proprietà, benefici e utilizziDollarphotoclub_57686323zenzero

Nutrizione

Frutto o verdura? Questo è il dilemma

13 Gennaio 2016 — by Laboratori siQuri.it0

Quante volte ci fermiamo di fronte a quel determinato frutto o verdura e sentiamo il diavoletto  sulla nostra spalla sussurrarci per prima cosa: “Ma almeno sai se è un frutto o verdura? “

Già è proprio vero che sappiamo davvero poco sugli ingredienti che comunemente usiamo nelle nostre ricette.

ORA Diamo voce all’angioletto e con I’aiuto dei Laboratori siQuri cercheremo di chiarirvi ALCUNE COSE in merito

Iniziamo subito col definire una cosa importante, che stabilisce una differenza sostanziale: un frutto nasce dal fiore di una pianta (dopo essere stato impollinato) e al suo interno contiene semi. Se invece nasce dalle foglie, fusto o radice allora siamo di fronte ad una verdura.

siQuri Frutto o Verdura
Frutto o Verdura? O addirittura..? Clicca per ingrandire l’iconografia e siQuri te lo spiega.

Detto questo iniziamo subito e vedrai che alla fine resterai davvero sorpreso:

è un FRUTTO O VERDURA?

Il pomodoro è…?

siQuri_PomodoroUn frutto!

Il pomodoro nasce dal fiore della sua pianta dopo l’impollinazione e ha semi al suo interno, quindi è un frutto. Anzi più precisamente è una bacca! Proprio come i suoi cugini più stretti peperoni e melanzane (appartengono alla famiglia delle Solanaceae) e sono bacche. Se vi piace potete chiamare il pomodoro ‘frutto della terra’ e ricordate che è il frutto più popolare al mondo.

I piselli sono…?

siQuri_PIselliFrutti!

Tecnicamente mangiamo i semi contenuti in un baccello. Questo li rende automaticamente dei frutti. Rientrano nella famiglia dei legumi e sono ricchi di fitonutrienti, minerali, vitamine (A, C e K) e antiossidanti. Non contengono affatto colesterolo e hanno una buona quantità di fibre solubili e insolubili.

La zucca è…?

siQuri_ZuccaUn frutto!

La zucca al suo interno contiene moltissimi semi, viene comunemente usata nella cucina di diverse culture: oltre alla polpa di zucca, se ne mangiano anche i semi, opportunamente salati. La zucca è un frutto che viene cucinato come una verdura. Si presta in mille ricette: cucinata al forno, al vapore, nel risotto o nelle minestre, fritta nella pastella, o estratta all’interno di un succo vivo.

Le fragole sono…?

siQuri_Fragole

Ne frutti ne verdure!

E’ già.. e quindi che sono? Un falso frutto. Comunemente con Fragola si intende la parte edule della pianta: anche se le fragole sono considerate dei frutti dal punto di vista nutrizionale, non lo sono dal punto di vista botanico: i frutti veri e propri sono i cosiddetti acheni ossia i semini gialli che si vedono sulla superficie della fragola. La fragola viene considerata come un frutto aggregato perché non è altro che il ricettacolo ingrossato di un’inflorescenza, posizionata di norma su un apposito stelo. Sono ricche di zuccheri, vitamine C, flavonoidi e antiossidanti.

Le olive sono…?

siQuri_OliveFrutti!

Questa era semplice: hanno un seme bello grosso al loro interno e nascono dagli Ulivi. Il termine botanico è “drupa” e cambia a seconda della varietà. Il significato biologico del frutto è fornire protezione, nutrimento e mezzo di diffusione al seme che contiene. E’ il frutto simbolo del mediterraneo, ricco di grassi, vitamine, potassio e sali minerali, nonché i fenoli in esse contenuti aiutano a prevenire alcune malattie cardiovascolari e hanno un forte potere antiossidante.

Mele, pesche e lamponi sono…?

siQuri_Rose

Rose!

O meglio, fanno parte della famiglie delle Rosaceae, che è una delle famiglie più importanti in natura: oltre i fiori comuni ne fanno parte anche il melo, il ciliegio, il pesco, il susino, il mandorlo, il sorbo, il pero e l’albicocco.

 

Le banane sono…?

siQuri_BananeBacche!

Il termine banana è associato alla bacca in grappoli della pianta (Banano, pianta della famiglia delle Musaceae).

 

 

In conclusione abbiamo scoperto come non sia un dilemma, ma semplicemente siamo abituati ad identificare un frutto o verdura in base all’utilizzo che ne facciamo in cucina o al momento in cui lo assumiamo. Ora che abbiamo scoperto come identificare correttamente alcuni di questi non dobbiamo far altro che continuare ad assumerne regolarmente nella nostra dieta, stando sempre attenti a scegliere solo frutta e verdura di stagione.


ebook_siQuri_IdeeInsalateScopri tantissime ricette interessanti e salutari, nonchè nuove idee su come integrare nelle tue insalate frutta, verdura e fiori eduli. Grazie alla collaborazione di Sandra Salerno (FoodReporter), siQuri ha realizzato questo fantastico ricettario disponibile gratuitamente a tutti gli iscritti alla newsletter [Materia Prima – siQuri.com]. Che aspetti, iscriviti cliccando qui e sorprendi da subito i tuoi famigliari e ospiti con una fra queste ricette.

Buona e salutare lettura.

 

divider

Fibre alimentari fanno bene?Fibre alimentari contenute all'interno dei cibi

Fibre alimentari, come assumerle?Dollarphotoclub_82912936OK1

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...