main

Fatto in casa

Pizza azzima croccante: la ricetta tradizionale

8 Marzo 2016 — by Elio Pomponio0

La pizza azzima; la sua origine è antichissima, precede la scoperta del levito per la panificazione.

Questa pizza azzima si prepara in poco tempo, si prepara quando manca il pane, quando si ha voglia di un pasto caldo fumante che scalda solo a tenerlo in mano, sia nella giornate di lavoro che di festa.

Per festa non intendo una festività ma ad esempio la visita di un amico o di un parente che, una volta, era sempre una piacevole sorpresa perché non c’erano le tecnologie di comunicazione che permettevano di preavvisare.

Era una festa perché tutto iniziava con una frase:”sono venuto a trovarvi per vedere come state”, poi ci si raccontava le vicende di famiglia e meglio ancora se si aveva da leggere una lettera inviata dal fratello che vive all’estero.

In una simile occasione se non si aveva del pane fresco per fare merenda, si preparava una pizzetta al volo, bella calda con un filo d’olio extravergine di oliva e accompagnata da leccornie come olive in salamoia, pomodori essiccati al sole ecc. ecc.

Il metodo di cottura si è evoluto con la tecnologia, dalla pietra arroventata al forno elettrico.

Per immaginare le belle storie raccontate vicino al focolare sarebbe bello avere quel sapore conferito dalla cottura particolare che si ha nel fornetto a legna!
PERCHÉ NON PROVARE A CUOCERE LA PIZZA AZZIMA CON IL NUOVO CUOCI PANE DI EMILE HENRY?

La ricetta base della pizza azzima prevede solo farina di grano tenero, acqua e sale.

Da questa nascono le numerose varianti tipiche locali come ad esempio: l’uso del vino bianco al posto dell’acqua, aggiunta di olio extravergine di oliva o di spezie all’impasto.

Ingredienti:

  • 600 grammi di farina di grano tenero
  • 300 millilitri di acqua
  • 1/2 cucchiaio di sale

Preparazione:

  • Fare un fontana con la farina.
pizza_azzima1
Pizza azzima- gli ingredienti – creare una fontana con la farina
  • Aggiungere acqua lentamente mentre si inizia ad impastare, continuare ad impastare per circa 5 minuti.
pizza_azzima2
Pizza azzima- impastare con le mani per circa 5 minuti
  • Stendere l’impasto aiutandosi con un matterello a formare un disco dello spessore di 1,5/2 centimetri.
pizza_azzima3
Pizza azzima – stendere l’impasto aiutandosi con un matterello
  • Disegnare i rombi sulla superficie per porzionare facilmente la pizza.
pizza_azzima4
Pizza azzima – disegnare i rombi sulla superficie
  • Inserire la pizza nel CUOCI PANE DI EMILE HENRY ed infornare nel forno preriscaldato a 230 gradi per 20 minuti, se si prolunga la cottura la crosta sarà più spessa e croccante.
pizza_azzima5
Pizza azzima – infornare a 230 gradi per 20 minuti

siQuri

Una ricetta della tradizione: la pizza di maissiquri-pizza-mais

Pane fatto in casa con spinaci: una ricetta green foto-pane-1

Fatto in casa

Una ricetta della tradizione: la pizza di mais

17 Febbraio 2016 — by Elio Pomponio0

la pizza di mais rappresenta la semplicità e la praticità della tradizione contadina

una ricetta antichissima di origine abruzzese, come tutte le ricette tradizionali è il risultato di un adattamento ai periodi di carestia

La cottura della pizza di mais, avveniva con uno strumento da cucina chiamato “coppa” o  “coppo” in base al dialetto della zona, è formato da un fondo che di solito è la base di ghisa del caminetto ed un coperchio a cupola in ferro.

Per la cottura la coppa veniva coperta di brace ardente sul piano del focolare.
La coppa fungeva da fornetto: diffondendo in modo uniforme il calore donando una crosta dorata e croccante, tratteneva all’interno l’umidità rendendo il cuore della pizza più morbido.
Così il sapore è unico ma è difficile oggi riprodurre questa condizione di cottura nel forno elettrico di casa.

PERCHÉ NON PROVARE a cuocere la pizza di mais CON IL nuovo CUOCI PANE DI EMILE HENRY?

Questa pizza è una alternativa al pane, la preparazione non è impegnativa e si ricorreva a questa ricetta quando il lavoro nei campi era intenso e non si poteva dedicare tempo alla panificazione, era più conveniente del pane non solo perché la farina di mais era meno costosa della semola ma anche perché il processo di preparazione non richiedeva la legna per scaldare il forno, infatti il caminetto era sempre acceso, la brace richiesta per portare ad ebollizione una brocca d’acqua e per la cottura era sempre disponibile.

La pizza di mais è parte fondamentale di una pietanza chiamata “pizz’e fuje” composta da peperoncini dolci essiccati scaldati nell’olio caldo, sarde sotto olio impanate con farina e fritte, aglio fritto e verdure miste di campo.

Era ritenuto un piatto povero per la facilità con cui si potevano reperire gli ingredienti ma è ricchissimo di storia e di genuinità.

La ricetta varia da paese a paese e da famiglia a famiglia, con diverse sfumature per soddisfare i gusti.

Ecco la ricetta base, la mia preferita.

Ingredienti:

  • farina integrane di mais macinata con mulino a pietra 600 g
  • acqua 1 litro

Preparazione:

  • Portare ad ebollizione 1 litro di acqua
  • Preparare una fontana con la farina.
pizza-mais1
Pizza di mais – preparare una fontana con la farina
  • Versare lentamente acqua bollente sulla farina mentre si impasta con una spatola o con un cucchiaio di legno. Mentre si impasta si ha la semicottura della farina.
pizza-mais-3
Pizza di mais – Versare lentamente acqua bollente sulla farina

 

  • Si aggiunge acqua bollente quanto basta ad ottenere un impasto plastico e omogeneo.
  • Si continua ad impastare con il cucchiaio fino a quando la temperatura dell’impasto è tale da permettere di continuare con le mani.
  • Si impasta con le mani per compattare l’impasto e formare una palla.
pizza-mais-4
Pizza di mais – impasta con le mani per compattare l’impasto e formare una palla
  • Raggiunta la consistenza giusta si preme la pasta fino a formare un disco.
  • Per avere la crosta liscia e croccante si accarezza la superficie della focaccia con le dita bagnate di acqua tiepida.
  • Tracciare una linea sulla superficie. io preferisco tracciare solo una linea per dividerla a metà, ma si possono tracciare gli spicchi per poterla dividere in porzioni senza doverla tagliare con il coltello.
pizza-mais-5
Pizza di mais – Raggiunta la consistenza giusta si preme la pasta fino a formare un disco
  • La pasta non ha una coesione tale da poterla sollevare con le mani, si spinge con delicatezza sulla base del cuoci pane Emile Henry .
  • Si inforna nel forno preriscaldato alla massima temperatura di 230 gradi per 30 minuti.

 

Ricetta realizzata grazie alla collaborazione di Elena, mia mamma.

siQuri

Pane fatto in casa con spinaci: una ricetta green foto-pane-1

 Come fare una gustosa pizza vegan raw pizza vegan fatta in casa

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...